La Villa del Samurai

esplorazione ottobre 2022


Luogo: X – Tipologia: Villa – Anno di costruzione: prima metà dell'800 – Anno di abbandono: Non noto – Stato attuale: degrado, pericolo


"Non ho imparato la Via per vincere gli altri, ma per vincere me stesso"

Bushido - Hagakure, annotazioni su cose udite all'ombra delle foglie, Yamamoto Tsunetomo, maestro samurai (1659-1721).

Mi avevano detto che fosse bella, notizia falsa... è bellissima e terribilmente attraente.

Non siamo in Giappone e neppure in qualche altro paese dell'estremo oriente, probabilmente questa villa ha risentito dell'esotismo, tipico della sensibilità del Romanticismo, che raggiunse il suo culmine nella seconda metà dell'800 ispirandosi proprio al mondo orientale ed all'attrazione per tutto ciò che è estraneo alla propria cultura ed appartiene a terre lontane.

Con passo lieve mi aggiro tra le sue stanze circondato da dipinti, disegni, intagli e intarsi che mi proiettano in un mondo a me sconosciuto, manca solo il suono del Koto. "Se vai nel sentiero inesplorato, alla fine appariranno infiniti segreti", dice un passaggio del Bushido, il codice degli antichi samurai ed io quel sentiero sono ansioso di percorrerlo, di afferrare l'ignoto e parlare con lui.

Non ho sostato a lungo in questo luogo per non alterare l'istintiva ed immediata armonia che ho provato entrando, nessuna immagine potrà tradurla essa rimarrà un indefinita piacevole vibrazione.
Riprendo la strada gettando un ultimo sguardo al samurai e lievemento gli sussurro "addio valoroso guerriero, sono sicuro che saprai proteggere te stesso e ciò che ti circonda".



Immagine per lasciare un commento



Indice Esplorazioni Urbex